STOP ALLO 048 DEGLI OGGETTI

Mostra d’Arte Contemporanea sul rifiuto e malattia

Artista Invitato Claudio Arezzo di Trifiletti

Imprints, imprints ed ancora imprints. Fonte d’ispirazione non sono oggetti, luoghi o persone ma l’energia emanata dalla materia che diviene la traccia sulla quale dipingere la frenetica comunità contemporanea, bombardata quotidianamente dai media. Chiave di lettura delle opere dell’artista, nato a Catania nel 1975, è la cultura underground. La stessa metropoli decantata dall’antropologo Marc Augè, appartenente alla cultura Pop, all’arte informale, al graffitismo di Basquiat, diviene il motivo dominante che guida la vena artistica di Claudio. Per “Stop allo 048 degli oggetti” l’artista presenta due opere: “Il sentimento in tasca”, opera che punta il dito contro il controllo ossessivo delle emozioni; “London Paris”, massima espressione dell’operato artistico di Trifiletti. L’artista ha preso parte ad importanti mostre come “il Terzo salone di Arti Figurative di Parigi”, la “Biennale d’arte internazionale di Roma”, oltre a numerose esposizioni personali.

BUCKINGHAN-PALACE-ROAD
BUCKINGHAN-PALACE-ROAD

LE CIMINIERE/CATANIA 17 NOVEMBRE/06 DICEMBRE 2012

Ideazione e cura Daniela Aquilia

Info su acrylic

Chi lavora con le sue mani è un lavoratore. Chi lavora con le sue mani e la sua testa è un artigiano. Chi lavora con le sue mani e la sua testa ed il suo cuore è un artista San Francesco D’Assisi
Questa voce è stata pubblicata in Mostra d'Arte Contemporanea sul rifiuto e malattia, outsider art, STOP ALLO 048 DEGLI OGGETTI e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.