Archivio tag: story

the clover family

Uno storico una notte mi confidò Trifiletti/Trifoglio, visionario per come mi son voluto donare, il caso mi ha portato ad ascoltare un contadino, che riconosceva un terreno fertile proprio da quel Trifoglio, col tempo ho notato che è forte e sopratutto innocuo e riempie vallate di grazia. Penso che sia una rarità essere Quadrifoglio, però allo stesso tempo accontentiamoci del contenuto delle nostre azioni, che fanno fede ad un motto assai antico e ancor più potente, non chiama in causa titoli, quelli son fatti di mattoni e satelliti, no chiama la semplicità che ci contraddistingue nel vivere in modo umile anche se a volte un po riccio. Occhio alle volpi, e felice di condividere un tetto, che anche se ormai frazionato in tegole, il telaio, la struttura è più che viva, ed è la nostra famiglia.

Mezzanine Living – Riparo dal Caos

One historian told me one night that as a Trifiletti (Clover), I am a visionary for how I wanted to give myself to the greater good. The case led me to listen to a farmer who recognized that this was fertile ground of Trifoglio. Over time I noticed that it is strong and above all harmless and fills valleys with grace. I think it is a rarity to be a fourleaf clover, but at the same time lets us be satisfied with the content of our actions, which bear witness to a very ancient and even more powerful motto. It does not call for titles, those are made of bricks and satellites. No, it calls for the simplicity that distinguishes us in living in a humble way even if sometimes a little eccentric. Watching out for the foxes, and happy to share a roof that even if broken into tiles, the frame, the structure is more than alive, and it’s our family.

tale

Bisogna crearsi una fiaba per vivere meglio.

tale/racconto

 

Quando non si gode del creato, grosse cime trattengono l’operato. Il peccato è sempre bene camuffato, lo si incontra con molte facce, che il vento come maschere strappa via, lasciando la giusta via. L’uomo è debole, ma è sempre figlio del Buon Dio, e per questo dico io, forse è meglio seguire il vento, e non la corrente, anche quella potrebbe essere apparente. Dovevo viaggiare, per un brutto vizio, che si chiama raccontare, sono le lodi, e le gesta di un misero peccatore, che vuole ricercare sempre più quella strada, che permette al cuore di liberarsi dal torpore, per godere dei frutti del sole. Per mari ho sentito fratelli sventurati, li ho cercati attraverso la paura per quelli che la sorte ha condannato, senza aver espiato.Un vuoto e un appello mi è stato rivelato, per colui che non ha amato, per paura di essere annegato. Prega sempre, si cosciente di essere nulla, come polvere nel deserto, e fai del tuo amore, ristoro per chi si sa commuovere. Non recitare la parte dell’eroe, l’eroe è colui che vive dentro una storia che non fa baldoria, combatte mostri facendo pace, umilia il nemico amandolo, l’eroe non chiede compensi, non vive tra gli incensi, non chiede consensi, ha un cuore che arde, ha un animo dove le parole hanno seguito. L’eroe non lotta per se, ma per quelli che ama, non esiste eroe senza amore.