Archivio dell'autore: acrylic

Informazioni su acrylic

Chi lavora con le sue mani è un lavoratore. Chi lavora con le sue mani e la sua testa è un artigiano. Chi lavora con le sue mani e la sua testa ed il suo cuore è un artista San Francesco D’Assisi

realization

Sento uno strano alito alle spalle. Ancora non è chiaro che non possiamo lavarcene le mani. Ratzinger sta ballando un twist con Carola Rackete. Cercasi riscatto alla realizzazione, eroine per cui battersi. Robotica alle porte, alienati al Covid. Si diventa nemici del sistema quando si sposa la terra.

contemporary art palazzo speciale

great grandmother

Tempi passati sempre presenti, codici tramandati. Intelletto, luce nutriva pensieri, occhi svelavano piccoli mondi sorreggere l’universo. Il segreto dell’amicizia alleggerisce il peso del cuore.

Nonna Maria, bisnonna da parte di madre.

Nonna Maria, bisnonna da parte di madre.

imaginary pond

Anche quando la barca sta per affondare, l’uomo continua a parlare di soldi. Il virus di domani sarà davvero nocivo, e non come questo. Quello che vi hanno detto fa parte di un assoggettamento attraverso la paura. L’unica salvezza dell’uomo è parlare di vita, il pianeta è il fulcro. Il pianeta non sta meglio, questa quarantena è servita forse ad indebolirci ulteriormente, mascherine, guanti, plexiglass, un domani non serviranno.

stagno immaginario

Stagno Immaginario. Scusa stavo bevendo una cioccolata, mi ha colpito un insetto fuori dalla finestra, che attirato forse dalla luce desiderava entrare.

Immuni non immuni è la cosa più aberrante pronunciata, il vaccino non è possibile in quanto il virus è in continua trasformazione, l’unico modo per frenare questa carneficina giustificata, è quella di unirsi contro la menzogna, la corruzione, questa falsa evoluzione. Da tempo chiedo il blocco immediato del progetto 5g che ha come alibi la velocità della rete. La verità che siamo esseri speciali che si mortificano dietro dei miseri criminali, siamo nel periodo di risveglio cosmico (V Dimensione). Ghiandola pineale, si sveglia dopo tempo che cercherete di guardare la fiamma di una candela al buio, da una fessura che lascia un minimo spiraglio ai vostri occhi, a distanza di due metri circa, potrete osservare, sentire dopo un paio di settimane tutto in maniera differente, sentirete una lieve pressione in fronte. Fin quando i governi non parleranno concretamente del pianeta e dei rimedi, ripeto…non bloccheranno il 5g, non siamo solo in pericolo col virus.

deserted streets

Economia, ordinanze, spiritualità ferma in se stessa. Futuro imprevedibile, ma continuando di questo passo, scontato. Spiritualità vive nei boschi, in tutto ciò che è all’origine del creato. Vengono i brividi a pensare di sfidare Madre Natura, questo mi sembra stia accadendo in terra. Mascherina, amuchina, presidi ospedalieri, adeguata beneficenza, e tutto il resto che deriva da questa società. Di vita si dovrebbe parlare, meditare il tutto come uno. Dicono che il pianeta stia meglio, ma continuano a tagliare, bruciare, trivellare, fare esperimenti. Oggi la situazione può essere ancora rimediata, anche se il caos sembra salire le scale.

quantum agriculture

Ci sono così tante informazioni nell’etere, che basta anche solo il silenzio che lascia esprimere il vento, il ricordo di un momento, la danza di una nuvola che canta, il sospiro di un gabbiano, il respiro del mare. Guardate che dove sono i delfini non mancano gli squali. Credo che dietro questa frase possano esistere infinite meditazioni. L’uomo è sconnesso dalla realtà, mentre la casa prende a fuoco, entra in contrasto col fratello, per chi deve detenere il potere, anziché creare comunione per salvaguardare il dono che gli è stato affidato. Se non si pone un limite a questa dormienza, anche i pesci ci cacceranno. La verità si manifesta senza troppe chiacchiere, non è una questione di vanità, il dovere di esprimere un pensiero senza alcun interesse, se non quello di essere consapevole di conoscere la storia. Senza arroganza, non posso esimermi dal confermare quanto già detto in passato. Tutto si rivela, anche lo stolto che non presta ascolto. Desidero manifestare un dissenso a questo andare, è paradossale che non si riesca a svegliare quella parte che dovrebbe cooperare per salvaguardare.

nausea

Hanno reso tutto così complicato per poterci imbrogliare, coloro che detengono il potere appartengono a sottomissioni di volere. Il pensiero alla base è la regressione, il controllo della generazione, se si vuol liberare questa realizzazione, bisogna semplificare l’azione. Autorizzazioni, certificazioni, avvelenamenti al costo dell’elezioni. Usciamo dalle tenebre, impediamo che ci sottopongano al 5G, sotterriamo questo presente che ci riserva una mente che mente. In verità ho la nausea per tutta la falsità che oggi si respira senza libertà. Contamina senza pietà, anche l’anima che sollievo ha.

manifest

Partire da un punto imprevedibile, tirarne fuori un mondo. Essendo entrati nella V dimensione, i doni presenti in ognuno di noi si manifesteranno senza alcuna tecnologia. La rete 5G non è altro che una sperimentazione per detenere ancora il potere, l’assoggettamento. Mi dispiace non sono un complottista, se la natura si ribella il motivo è semplice, lasciate stare gli alberi, basta trivellare il pianeta, non vi mettete in testa di colonizzare altre galassie, non uccidete il mare, e col tempo tutto ritornerà a splendere per come nemmeno potete immaginare. P.S.: Un consiglio, spegnete le televisioni, sintonizzate musica 432 Hz. L’evoluzione spirituale potrà davvero rivoluzionare questo mondo di bene.

In memoria di tutte le storie vittime di falsi suicidi - carta del panificio riciclata.

In memoria di tutte le storie vittime di falsi suicidi – carta del panificio riciclata.

A volte il vento mi parla, mi riporta occhi che conosco, riconosco la loro colpa, nell’essere state vittime di una pellicola sbiadita. Pace

poetic world

Perché l’oro non è solo oro, e la vita non è per come la raccontano. Il mondo ha bisogno d’amore, questa tecnologia suscita timore. L’uomo nasce con dei doni, siamo continua scoperta, la chiocciola è ricerca.

Buona Notte, Piccoli Mondi di Speranza

Buona Notte, Piccoli Mondi di Speranza

Quanta inutile tecnologia ci sta inginocchiando, ho assistito a moltissimi miracoli, senza che nessuno gli prestasse attenzione. Mondo bizzarro, uomo senza memoria ne timore, emozione frizza dentro bottigliette sigillate con scadenza codice a barra. Anime belle, ancora esistete, siete solo assopite da luce apparente. Sognare per guarire questo mondo dal disaccordo. Rivelazione anime libere dalla prigione. Raggio di luce, sottile suono, rinnovato sacrificio porta beneficio, senza artificio. Presente lo conosco da sempre, non mi sento assente, se solo venissi ascoltato, tutto questo potrebbe essere dimenticato. Tempo slittato, file al supermercato, sarà tutto vano perché non rimediato. Mia è la mia guida, ed io so di poterci fare affidamento. Pentimento, una città che non riconosce giuramento. Suonano le campane, sento la nota, l’ascolto, l’accolgo come un battito di speranza.

Seal

Silenzio che nulla chiede * Tibet Lhasa

Silenzio che nulla chiede * Tibet Lhasa

IL SIGILLO DELLA PIGNOLATA
Storie e intrighi di una pessima digestione.
Schemi antichi di un figurato ambire, cioccolato sognato in praline. Fragole e vino alla mensa, è scoppiata la beneficenza, chi sale formaggi, chi assale Re Magi. E’ Natale sotto l’albero, una gru diviene dono. Famiglia d’Inghilterra non è cielo di primavera, il gallo canta senza tregua, la zia torna dalla sera. Siamo tutti seduti, ognuno cerca la sua gloria, medaglie e scudetti, tutti bravi con i cerchietti. Non ci sono nomi in questi cassetti, solo qualche foglia volata dall’albero, spera radicarsi in una storia che non fa baldoria. Niente è certo, che l’impronta di una brocca.

Mother Earth

Sento un peso che a volte mi farebbe urlare, ma questo non è comunicare, c’è bisogno svegliarsi dalle famiglie ai governi, non si può recitare, la realtà è assai cruda, squallida per certi versi. Apparenza, vanità in dissolvenza. Arroganza, possedere attraverso dinamiche terrene, quasi giunta alla conclusione.

Gasparino - Cortile del Sole

Gasparino – Cortile del Sole

La terra ci ama, facciamo parte del creato, non siamo il creato. Fin quando ci inchineremo all’ignorante, saremo servi di chi ha messo muri difronte la nostra libertà, ha scavato gallerie dove far viaggiare il vuoto nel nostro sentire. Credo conoscere la strada, sono consapevole del presente, e di quelle persone che amo in quanto non posso esimermi dal farlo, spero davvero presto capiscano di cosa è fatta la loro essenza. Oggi mi ero preso un dispiacere nel trovare dopo tempo che non la vedevo, l’Araucaria trapiantata in Viale Leonardo da Vinci (Spazio [email protected] Metro Quadrato di Bosco) era ingiallita, mi sono sentito come impotente. Osservo molto gli alberi, se non ci prendiamo cura, molti si ammaleranno e questo non è giusto, per me è un crimine, ci mettono anni a divenire lo splendore che sono. Gli alberi attraverso le radici sviluppano una connessione simile alla rete, sono prodigiosi, credo seriamente che ci proteggano. Sicuramente non sarò compreso, ma credo che l unica soluzione contro qualsiasi virus, sia benedire la terra che ci ospita, impiantando alberi, che questo gesto sia profondo, realizzato con l’anima. Mi spaventano tutti questi slogan inutili: andrà tutto bene, ce la faremo, è oppio. Mi dispiace la mia speranza vive nell’azione, e purtroppo stiamo giungendo inesorabilmente al capolinea della stupidità, l’abisso dell’ignoranza elevato a guida. Sto provando con tutti i mezzi a mettermi in contatto con chi potrebbe dare luce alla speranza, ma niente, è come rinchiusa dentro un pozzo, si sente sicura, galleggia in una falsa primavera. C’è bisogno connetterci alla terra, non tutti ma chi conosce la ragnatela. Sicilia, isola del mondo, non cerco altro che un tondo, il tempo slitta, tegola su tegola dona riparo, ma è possibile che tutto questo non sia chiaro? In verità credo che siamo messi poco bene, ci sono delle cose che un tempo erano ovvie. Per i solitari che ascoltano il sussurro del vento non è pesante restare a casa, si avverte nonostante il piacevole silenzio, l’odore agro della non vita. Una briciola è caduta, un passerotto mi ha dato speranza, solo in pochi si sono accorti, erano presenti. Chi oggi lo è? La pulsazione della terra, del mare, del cielo ha bisogno costante di conferma, noi siamo parte di questo creato, anche se le regole diverranno marziali col compiacimento dei morti che ridono. Provo dispiacere non riuscire ad esprimere per come sento, vorrei essere utile, guidare un risveglio, ma è doloroso raccontare. Coloro che sentono, portano un peso che non rende comprensibile a tutti, quello che desiderano comunicare. Sento avere un dono, potermi connettere con la terra, divenire ponte. Un pellegrino in cammino, che a volte viene divorato da un fuoco interiore. Mi è rimasta una scena ferma dentro il cuore, un potente nulla tenente. Il mondo intorno a me, è soltanto consiglio angelico, non è facile reggere l’altra corda, ma siamo qua, aspetto mettere mani in terra, provo liberazione, un giorno tornerò a dipingere. Dobbiamo pensare al futuro, non bloccare l’agricoltura, l’uomo dovrebbe prendere consapevolezza di essere solo un granello in questo pianeta, si deve ripartire dall’aratro. Questo sole è benedizione se viene compreso come opportunità, e non come contenitore di superficialità. Molte coincidenze indicano che ci troviamo noi tutti di fronte ad una grande sfida. Certo tutto è possibile, per me la cosa giusta è rimanere tutti uniti, non come capre, ma come esseri che insieme sentono. Oggi ho salutato mia madre da lontano, non è stato affatto bello.